Consegnati i defibrillatori per l’Istituto

Saranno a disposizione delle due scuole Primarie “Ignazio De Luca” e “Dante Alighieri” (che da quest’anno comprende anche la primaria del “Tiravanti”) i due defibrillatori donati ieri sera, venerdì 20 novembre al Play Planet durante la “Cena del cuore”. 

 
Una iniziativa che ha visto una importante partecipazione di alunni, genitori, insegnanti e autorità del Comune di Frosinone, tra cui in primo luogo il sindaco Nicola Ottaviani e l’assessore Ombretta Ceccareli. 

L’iniziativa è stata possibile grazie all’Helping life, associazione di formazione e volontariato, e al signor Di Pofi proprietario del Play Planet che ha messo a disposizione la sala per la Cena del cuore e che darà la sala per tutte le mattine disponibili alle scuole che vogliono portare i propri alunni. 

   

 

Numerosi sono stati gli sponsor della serata tra cui il laboratorio di analisi Geslan, Otovision, Farmacia del viale, Creo, Vaniglia e cioccolato. Tutti uniti dalla consapevolezza di quanto sia importante dotare le scuole di uno strumento di rianimazione così importante. 

La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) colpisce individui di qualsiasi età e, per definizione, in condizioni di apparente buono stato di salute. Di essi, il 7% ha meno di 30. Solitamente, però , i bambini vengono considerati dalla maggior parte delle persone come vittime poco probabili di arresto cardiaco, sebbene il 3,5% dei deceduti per arresto cardiaco abbia meno di 8 anni. Ciò è imputabile a colpi toracici (commotio cordis) o a condizioni difficilmente diagnosticabili (come la sindrome del QT lungo e la cardiomiopatia ipertrofica) che possono affliggere fino ad un bambino su 500. 

In seguito ad arresto cardio-circolatorio, il trattamento deve essere instaurato entro 3-5 minuti: in assenza di una pronta ripresa del ritmo cardiaco, infatti, alla cessazione della circolazione sanguigna consegue inevitabilmente il danno cerebrale. Poiché la finestra temporale disponibile è ben più ristretta dei tempi medi di arrivo dei soccorsi (che in Italia sono di 12-15 minuti) e che molti istituti scolastici contano più di 2500 studenti, dotare ogni scuola di un defibrillatore DAE semiautomatico esterno è l’unico modo efficace per assicurarsi che i bambini colpiti da questa patologia ricevano un trattamento adeguato in un tempo congruo a determinarne l’esito fausto. 
La presenza, all’interno delle scuole per l’infanzia, di dispositivi di defibrillazione precoce, assieme a personale adeguatamente formato, riveste pertanto un ruolo fondamentale nell’assicurare un intervento pronto nei confronti dell’arresto cardiaco improvviso. Gli stessi genitori, sempre molto attenti alla salute dei propri figli, saranno più inclini ad affidarli ad una scuola dotata di tali dispositivi salvavita.
   

  

 Soddisfatta dell’esito della serata la dirigente, professoressa Monica Fontana, che promuove e incentiva iniziative come questa, che possano migliorare il Comprensivo 3 e la salute dei suoi 1000 studenti iscritti e di quelli che verranno. 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...