Una giornata blu per conoscere l’autismo

 
In occasione della Settimana di sensibilizzazione per l’autismo e della giornata mondiale prevista per domani l’Istituto Comprensivo 3 ha promosso il progetto: Ad un passo dal Blu.

   
 
Blue and white balloons on white background Blue and white balloons on white background

Il 2 aprile, infatti, è il giorno che l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha dedicato alla Consapevolezza sull’Autismo per sensibilizzare l’umanità nei confronti di questa realtà. Solo in Italia, infatti, sono 500.000 le famiglie toccate dall’autismo. In tutto il mondo vengono organizzati eventi e momenti di condivisione e la giornata viene caratterizzata dal colore blu, colore dell’autismo, della conoscenza e della sicurezza.
Il progetto prevede: nei giorni di mercoledì 30 e giovedì 31 attività di sensibilizzazione per gli alunni, racconto di storie sull’autismo, brainstorming, produzioni grafico pittoriche, foto e video sia individuali che di gruppo. 

L’idea ispiratrice è il valore delle arti (letteratura,pittura,cinematografia, musica,etc) per scoprire l’autismo, per sensibilizzare, per raccontare.
Tratto da Focus:

SUPERDOTATI? Celebri aspie, come vengono spesso definiti, sarebbero stati importanti personaggi del passato, con intelligenza superiore alla media e funzionamento sociale non convenzionale o bizzarro, da Mozart ad Albert Einstein, da Isaac Newton al matematico Alan Turing. Difficile dire se sia vero. Di recente è stato rivelato che secondo un rapporto del Pentagono persino il presidente russo Vladimir Putin soffrirebbe di Asperger, anche se molti esperti l’hanno giudicato improbabile.
Tom Hulce come Wolfgang Amadeus Mozart nel film Amadeus, del 1984. | COURTESY EVERETT COLLECTION/CONTRASTO
POPOLARE AL CINEMA. Da quando la diagnosi è stata ufficializzata, personaggi aspiesono stati più volte protagonisti di film. Adam(protagonista dell’omonimo film del 2009), per esempio, racconta delle difficoltà di un ragazzo consapevole di essere Asperger. Il suo tratto tipico è l’inadeguatezza sociale: non riesce a capire i desideri e i sentimenti degli altri, dice sempre la verità, interpreta alla lettera quello che gli altri dicono (un paziente ha caricato su YouTube un estratto del film che secondo lui descrive bene la sindrome).
Oskar, invece, nel film Molto forte incredibilmente vicino(2012, tratto dall’omonimo romanzo di Jonathan Safran Foer), è brillante, a nove anni gira per New York e fotografa tutto, anche se non può essere abbracciato e si agita per i rumori forti. Poi c’è la Lisbeth di Uomini che odiano le donne (2009): giacca in pelle nera, piercing, tatuaggi, isolata e misteriosa, abilissima hacker. O, ancora, il matematico Alan Turing, la cui personale tragica vicenda è stata di recente portata sugli schermi in The imitation game (2015). E infine Sheldon Cooper della sitcomThe Big Bang Theory: in alcune scene il giovane ricercatore presenta alcune caratteristiche tipiche dei soggetti affetti dalla sindrome di Asperger.
Tutti modi per far conoscere questa condizione difficile da diagnosticare anche se, come sottolineano le associazioni e i familiari, la maggioranza di questi bambini, e degli adulti, sono persone che avrebbero bisogno di forme specifiche di sostegno, e che invece spesso rimangono invisibili nella società.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...