La proposta di Isco3: torniamo a colorare i vecchi murales e facciamone di nuovi

Quando arriviamo a scuola, magari un po’ distratti, magari ancora un po’ assonnati, sono lì che ci guardano scorrere, a decine, centinaia. Migliaia di noi allievi della Scuola secondaria di Primo grado Ricciotti, da anni ci vedono arrivare ancora bambini al primo anno e terminare con gli esami del terzo.Sono i murales dipinti anni e anni fa da nostri coetanei oggi uomini e donne adulti. Foreste e ballerine, fiori e alberi ormai un po’ sbiaditi dallo scorrere inesorabile del tempo. Il più vecchio murales è stato dipinto nel 1997 mentre il più recente risale al 2008. Sono molto belli ma purtroppo sono molto evidenti i segni che ha lasciato il tempo dato che i più vecchi sono quasi irriconoscibili.


E allora, a noi redattori dell’Isco3 è venuta in mente l’idea di ridare colore a queste silenziose sentinelle della nostra adolescenza e, perché no, farne di nuovi sugli altri muri dell’entrata e anche nel cortile.

Ed ecco la nostra proposta che, speriamo venga presto accolta dai nostri professori di arte e dagli altri allievi della scuola: riportare agli antichi splendori i vecchi murales e farne di nuovi. Speriamo anche che questa nostra possa essere accolta da artisti come Alessandra Bracaglia, fumettista di eccellente bravura, ma anche, perché no, dagli studenti dell’Accademia. Un’iniziativa per conoscersi e per lasciare anche noi un segno alle future generazioni.

Alessandro Carinci

Vincenzo Zoino

Giovanni Frongia

Un commento

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...