Il passato ritorna in gioco con il progetto di classificazione: si lavora al Museo della tecnologia

Il passato è pieno di scoperte scientifiche interessanti, di oggetti che noi consideriamo antiquati, ma senza i quali molte delle cose che abbiamo oggi non esisterebbero nemmeno.
E’ da questa consapevolezza che è partito il progetto di classificazione organizzato dalla scuola media ex Ricciotti, come partecipanti gli alunni delle classi 2° A e 2° E guidati dal professor Fabio Dialmi. 


A capo del progetto la dott.ssa Cristina Cesselli che ha chiesto agli alunni di classificare alcuni oggetti che andavano dagli anni ’50 – ’90, secondo diversi criteri. Vi erano varie campi di specializzazione: produzione e riproduzione del suono, elettricità, cinematografia, calcolatrici.


Gli alunni erano divisi in gruppi e ogni gruppo aveva almeno due schede dove scriveva le caratteristiche dell’ oggetto designato, e illustrava l’industria produttrice, i materiali con cui era costruito e l’anno di messa in commercio e, occasionalmente, l’anno in cui sono stati tolti dal mercato. 


L’obbiettivo è quello di costruire un museo all’interno dell’istituto, contenente tutti gli oggetti classificati, perché per vivere nel presente, dobbiamo conoscere il futuro.

Leonardo Testa

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...