Si chiude l’avventura a Woodpark tra i monti Aurunci di Itri

Quando inizi una cosa bella, non vuoi mai smettere di farla. Noi, purtroppo, abbiamo smesso di farla. Malvolentieri, ma l’abbiamo fatto. Si è conclusa martedì 25 novembre la serie di esperienze che hanno visto coinvolti gli alunni delle classi prime dell’Ex Ricciotti e delle quinte elementari dell’Istituto Comprensivo Frosinone 3.


In una giornata di sole, gli alunni delle classi V A dell’Ignazio De Luca e I C della Ricciotti, accompagnati dai docenti Tiziana Frantellizzi, Carmen Tomassi, Michele Carnevale e Agata Cecili, hanno vissuto un’esperienza indimenticabile.

Il gruppo è arrivato a WoodPark presso le ore dieci, dopodiché gli alunni hanno riposato cinque minuti e successivamente sono iniziate le attività. La prima attività è stata l’orienteering. Gli operatori di WoodPark hanno spiegato ai ragazzi come funziona una bussola e hanno illustrato ai partecipanti in cosa consiste questa attività. Gia, in cosa consiste? L’orienteering è come una caccia al tesoro. Orientandosi con mappa e bussola all’ interno di un bosco, i gareggianti devono trovare le lanterne nascoste e segnarle su un foglio, chiamato testimone. Trovate tutte le lanterne, i ragazzi devono tornare alla base per poi scoprire se sono arrivati primi. Per svolgere questa attività i ragazzi delle due classi si sono mischiati e divisi in gruppi da tre. Quando tutte le squadre sono tornate alla base, i ragazzi hanno passato una mezz’oretta di meritato riposo.


Nel pomeriggio, i ragazzi hanno svolto la seconda attività, i percorsi acrobatici. Gli operatori del parco hanno ricoperto i ragazzi di imbracature e caschi e hanno insegnato loro come attaccare la carrucola e i moschettoni al filo di ferro. I ragazzi hanno cominciato dai percorsi più semplici, per poi salire di livello. Grande successo ha ricevuto il percorso viola, che prevede un lancio con la carrucola lungo 150 metri.

Di seguito riportiamo l’intervista a Piergiorgio Ceci, alunno della I C.

Ti è piaciuto WoodPark?

Sì, molto.

È la prima volta che vivi un’esperienza del genere?

No, ero già stato proprio a WoodPark con la scuola elementare.

Cosa ti è piaciuto di più, l’orienteering o i percorsi acrobatici?

Sono molto belli entrambi, ma i percorsi acrobatici hanno qualcosa in più, sono davvero emozionanti.

Per quanto riguarda l’orienteering, a te come è andata?

Direi bene, sono arrivato primo…

Come avete visto, anzi, letto, WoodPark è davvero un progetto meraviglioso, che andrà consolidandosi col passare degli anni.

Giacomo Sordi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...