Città in video, 300 occhi sorvegliano il nostro capoluogo 

Presso la Prefettura di Frosinone il giorno 26 gennaio, insieme alla dottoressa Emilia Zarrilli, al questore dott. Filippo Santarelli e ai rappresentanti delle Forze dell’ordine, il sindaco di Frosinone, Nicola Ottaviani, ha illustrato il progetto “Città in video”, grazie al quale il capoluogo risulta essere primo in Italia per il rapporto tra il numero di telecamere installate dal comune, oggi superiore a 300 telecamere. 


Infatti, è stato possibile raggiungere il risultato di una telecamera ad alta definizione ogni 150 abitanti, all’interno di un progetto che sarà ultimato tra le prossime settimane e che toccherà la punta finale di circa 350 apparecchiature. I dati saranno messi a disposizione, in tempo reale, di tutte le forze di Polizia e di controllo del territorio, come confermato dalla presenza del colonnello Giuseppe Tuccio, comandante provinciale dei Carabinieri di Frosinone, del colonnello Luigi Carbone, a capo del comando provinciale della Guardia di Finanza, e del responsabile del Ced comunale ing. Sandro Ricci. “La videosorveglianza che stiamo introducendo nel capoluogo sarà, sicuramente, un elemento utile nel quadro della maggiore sicurezza urbana”. L’amministrazione Ottaviani, come previsto, sta dando attuazione al programma di controllo delle strade urbane e periferiche, oltre che delle piazze e degli obiettivi particolarmente sensibili, allo scopo di contrastare azioni vandaliche e delinquenziali, a salvaguardia della sicurezza dei cittadini. Il servizio, coordinato dall’ing. Sandro Ricci dell’ufficio Ced comunale, vista la complessità delle installazioni e, soprattutto, della necessaria infrastruttura di connessione dati, ha fornito già utili strumenti di indagine alle Forze dell’Ordine che, regolarmente, procedono all’acquisizione dei filmati e delle videoregistrazioni per prevenire la commissione di reati o, come spesso accaduto ultimamente, per fornire validi strumenti probatori all’Autorità giudiziaria, in occasione dell’emissione di provvedimenti nei confronti degli autori di reati predatori o anche di atti vandalici.

Elissia Riccardi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...