52 anni fa “linus” porta in Italia i Peanuts: la storia del fumetto più famoso del mondo

Era il 5 aprile del 1965 quando la rivista italiana di fumetti”linus“, creata da alcuni intellettuali intenti a far conoscere i migliori fumetti stranieri, fa esordire i Peanuts in Italia. Il primo numero si presenta verde militare, con la scritta “linus” bianca e sotto la didascalia “LE STORIE DI CHARLIE  BROWN E LI’L ABNER E UN EPISODIO INTERO DI BRACCIO DI FERRO”. Sotto, l’immagine di Linus nella sua versione più famosa: si succhia il pollice e strofina la sua coperta. Sebbene la rivista sia ricca di altri fumetti, il tutto si aggira intorno ai Peanuts: nell’intervista delle prime pagine Umberto Eco chiede a Elio Vittorini e Oreste Del Buono come vedano questo fumetto: mentre Vittorini dice di considerare Schulz (l’autore) come Salinger, Del Buono risponde così:
Io sono un convertito a Charlie Brown. All’inizio non mi piaceva affatto. Intanto il mio interesse per i fumetti era diretto al genere avventuroso e Charlie Brown non mi divertiva. Trovavo persone che ridevano, leggendo Charlie Brown, e cercavo questa parte di comico senza trovarla. Però a un certo punto è avvenuta proprio una specie di rivelazione: ho scoperto che i fumetti di Charlie Brown sono assolutamente realistici. È avvenuta addirittura un’identificazione: Charlie Brown sono io. Da questo punto ho cominciato a capirlo. Altro che comico, era tragico, una tragedia continua. Ed ecco  finalmente ne ho cominciato ha ridere. Un fumetto come diagnosi, prognosi ed esorcismo.”
Vittorini consiglia inoltre di “non leggere i Peanuts come fanno gli americani, una striscia al giorno mentre bevono il caffè, ridere e buttare il giornale, dimenticando” , spiegando che si può capire meglio il capolavoro di Schulz “leggendolo in raccolte”. Tra i due, sarà Del Buono a rimanere più attaccato alla striscia: Vittorini morirà dieci numeri dopo. 9999

A Del Buono si devono, inoltre, alcune storpiature nella traduzione dall’inglese all’italiano. Prendiamo due degli esempi più famosi: il Grande Cocomero e Joe Falchetto. Il Grande Cocomero, la divinità in cui crede Linus, sorge la notte di Halloween per portare balocchi a tutti i bambini del mondo. Negli anni Sessanta, però, la festa di Halloween non era ancora conosciuta in Italia, tanto che sul primo numero venne messo un asterisco per spiegare cosa fosse. Ora, quale ortaggio è simbolo di Halloween? La zucca, giusto. E allora perché nelle strisce Linus aspetta il Grande… Cocomero in un orto di… zucche? Si deve al fatto che nella versione originale il Grande Cocomero è The Great Pumpkin, ovvero “La Grande Zucca”. Del Buono volle però far mantenere alla divinità il genere maschile: variò allora da zucca a cocomero, vista la forma simile degli ortaggi. La storia di Joe Falchetto, l’universitario sempre a caccia di “pupe”, è molto meno complessa: in inglese è Joe Cool, ovvero “Joe Fico”, ma in Italia all’inizio degli anni Settanta questo aggettivo non era conosciuto.snoopy-peanuts-mostra-striscia-fumetto-06-2

Del Buono lo tradusse come Joe Falchetto, che sinceramente ha un particolare fascino. Caso analogo è quello dell’appellativo con il quale Sally chiama Linus: nell’originale la sorella di Charlie Brown lo chiama My Sweet Baboo. In Italia le edizioni Baldini&Castoldi traducono Il mio Scimmiottino d’oro, la Mondadori invece Il mio Dolce Babbù. Tra le due, però, la seconda dovrebbe essere la più corretta. Tra i personaggi più famosi con un nome diverso dall’originale ci sono Piperita Patty (Pepermitt Patty) e Replica (Rerun). Ma quando nascono i Peanuts? Diciamo che la striscia ha una sorta di antefatto: Li’l Folks. Li’l Folks  (letteralmente “personcine”) era un fumetto dello stesso Schulz, che al tempo si firmava “Sparky”, il suo soprannome. In questo fumetto, di una sola vignetta, compaiono alcuni dei primi personaggi dei Peanuts, tra i quali Charlie Brown. Li’l Folks viene pubblicato dal 1947 ed è caratterizzato da un tratto più infantile rispetto a quello dei Peanuts. Nel 1950 Schulz passa l’idea del fumetto alla United Features Syndacate: il fumetto viene accettato, ma il titolo no. La Syndacate lo considera troppo simile ad altri fumetti dell’epoca come “Li’l Abner” o “Little Folks”. Varia allora in “Peanuts”: letteralmente è “Noccioline”, ma va tradotto come “cose da poco”, “sciocchezze”. A Schulz il titolo non è mai piaciuto, infatti avrebbe voluto chiamarlo “Good ol’ Charlie Brown”, ovvero “Buon Vecchio Charlie Brown”. La prima striscia dei Peanuts  venne pubblicata il 2 Ottobre 1950, la prima tavola domenicale il 16 Novembre 1952, l’ultima striscia il 13 Febbraio 2000, la mattina dopo la morte di Schulz, per un totale di 17.897 strisce in quasi cinquant’anni. Ma quali sono stati i personaggi che hanno popolato i Peanuts? Vediamo i principali.

Charlie Brown
Charlie Brown, sempre chiamato con il nome ed il cognome per esteso, è, assieme a Snoopy, il personaggio principale della striscia. Si distingue per la forma sferica della testa e per il fatto che essa sia totalmente calva, a parte un ricciolo. A dire il vero, Schulz ha più volte affermato che Charlie Brown abbia in realtà i capelli, ma che questi siano chiarissimi. La sua prima apparizione è del 2 Ottobre 1950 e l’ultima del 13 Febbraio 200o. Nel tempo libero legge e fa volare aquiloni, senza però troppa fortuna, anzi, con esiti disastrosi. Negli anni Sessanta si confida con un amico di matita, chiamato così perché Charlie Brown non era capace di usare la penna. Charlie Brown assomiglia a Schulz: si chiama Charles, è figlio di un barbiere, è timido, mite e le sue avventure al campo estivo sono basate sull’esperienza da militare dell’autore. È innamorato follemente di una ragazzina, la Ragazzina Dai Capelli Rossi, alla quale non si è mai presentato. Allena ed è il pitcher della squadra del quartiere, con la quale non ha mai vinto una partita.

download
Charlie Brown

Shermy
Shermy è il più grande dei ragazzi che popolano la striscia. È stato uno dei personaggi principali fin dalle prime strisce, ma con il passare degli anni è andato via via scomparendo. La sua ultima apparizione risale alla fine degli anni Settanta.
Patty
Presente sin dalla prima striscia, è coetanea di Shermy e più grande di Charlie Brown. Porta un vestitino a quadri e capelli a caschetto biondi. Anche lei, come Shermy, andrà via via scomparendo con gli anni. L’ultima volta che viene nominata è alla fine degli anni ’70, ma negli anni ’80 e ’90 compaiono personaggi simili a lei.
Snoopy
Chi non ha mai visto Snoopy? Nessuno. Il cane più famoso del mondo compare per la prima volta il 4 Ottobre 1950. All’inizio è un cane assolutamente normale. Comincia ad assumere la posizione eretta alla fine degli anni’60. Dorme sul tetto della sua cuccia, con la testa rivolta verso sinistra, anche quando piove. Afferma di possedere un Van Gogh, un biliardo, un frigobar e un vasetto di colonia dentro la cuccia, oltre a un affresco sulla storia della civiltà realizzato da Linus. Si prende l’attenzione del mondo per vent’anni (negli anni Ottanta viene contrastato da Garfield), diventa il personaggio della striscia più famoso al mondo, rubando la scena a Charlie Brown. Nell’arco di cinquant’anni impersona più di centocinquanta personaggi diversi: da Joe Falchetto, l’universitario a caccia di pupe, all’Asso della I Guerra Mondiale, avversario dell’acerrimo Barone Rosso, dal Cassiere di Drogheria Di Fama Mondiale allo Scrittore Rifiutato (Era una notte buia e tempestosa…), dal medico all’avvocato, dal tennista al golfista, dal fuoriclasse di baseball al giocatore di hockey, dal giocatore di football al Dt. Jekyll e Mr. Hyde, dal polsista mondiale al giocatore di poker al Boy Scout, dall’allenatore scorbutico di pattinaggio a Piperita Patty, fino ad arrivare alla Statua della Libertà.

images (2)
Snoopy

Violet
Violet compare per la prima volta il 7 Febbraio 1951. Coetanea di Patty e Shermy, ama vantarsi di suo padre. E’ lei la prima a tenere la palla ovale a Charlie Brown. Compare l’ultima volta il 16 Novembre 1984 ma durante gli anni ’90 appariranno personaggi simili a lei.
Schroeder
Sempre chiamato con il solo cognome, Schroeder appare per la prima volta il 30 Maggio 1951. Il 24 Settembre dello stesso anno umilia l’insegnamento di Charlie Brown sull’uso del pianino suonando un pezzo impossibile. Da lì si innamora dello strumento e quasi due anni dopo Ludvig van Beethoven fa l’ingresso nel mondo dei Peanuts. Proprio l’amore per questo musicista lo rende indifferente alle avances di Lucy, innamorata di lui.

download (2)
Schroeder

Lucy 
Scorbutica, rompiscatole, testarda, arcigna, militarista e provocatrice, Lucy van Pelt compare la prima il 3 Marzo del 1952. Coetanea di Charlie Brown, è impegnata nella distruzione morale e fisica di quest’ultimo. È ormai famosissimo lo scherzo della palla ovale, durante il quale Lucy sottrae il pallone da football a Charlie Brown, facendolo ruzzolare a terra. Il 27 Gennaio 1953, a causa di un malinteso, si innamora di Schroeder e saranno sempre più frequenti le strisce durante le quali si rilassa sul piano di quest’ultimo, alla ricerca di un amore assolutamente non corrisposto. Impegnata nella distruzione anche del fratello Linus, lo insulta sul problema della coperta e sul fatto che questa sia ridicola. Dal 27 Marzo del ’59 possiede un chiosco psichiatrico, il cui costo è di 5 centesimi.

images (1)
Lucy

Linus
Forse anche più famoso di Charlie Brown, Linus van Pelt (19 Settembre 1952) è il fratello – minore! – di Lucy. Sebbene intelligentissimo, capace di citare Antico e Nuovo Testamento a memoria, ha bisogno di tenere la sua coperta per sentirsi sicuro. Ovviamente, questo comportamento le rende insopportabile alla sorella, che lo odia, e, insieme alla nonna, cerca di togliergli questo vizio. Col passare degli anni, la dipendenza di Linus dalla coperta diminuisce, tanto che in un’intervista del 1989 Schulz disse che Linus aveva definitivamente superato il problema della coperta, e che inseriva quest’ultima solo per umorismo. Linus crede inoltre nel Grande Cocomero. Il Grande Cocomero è la divinità che la notte di Halloween sorge dall’orto di cocomeri e reca doni a tutti i bambini del mondo.

images (2)
Linus

Pig-Pen
Pig-Pen (letteralmente “Recinto per maiali”) è un ragazzino perennemente sporco (“Ma ho pensieri puliti!”), tanto che quando va tutto pulito ad una festa, viene respinto perché non riconosciuto.
Sally
Sally, 23 Agosto 1959, è la sorella di Charlie Brown. Odia la scuola e la ritiene inutile, pensando che le faccia perdere gli anni migliori della sua vita. Si fa fare i compiti da Charlie Brown, che chiama “fratellone”, mentre si rilassa nella sua poltrona a fagiolo guardando la televisione. Leggermente ingenua, è solita leggere la corrispondenza del fratello. È innamorata, e non corrisposta, di Linus, che chiama “Il mio Scimmiottino D’Oro”. Questo le farà odiare tutte le ragazze attratte da Linus, come Tartufo e Eudora. È in conflitto anche con il campo estivo, per cui fa di tutto per non andarci.

images (3)
Sally

Piperita Patty
Capelli spettinati, naso grosso e sandaloni, Piperita Patty (Pepermitt Patty nell’originale) è un perfetto “maschiaccio”. Pessima negli studi, nei quali prende sempre dei due, è però molto brava negli sport, soprattutto il baseball. È allenatrice della squadra di baseball del suo quartiere, che a volte incontra, stracciandola, la squadra di Charlie Brown. Parla per la prima volta con quest’ultimo il 24 Agosto 1966 al telefono e lo chiama “Ciccio” (Chuck in inglese). Per molti anni considera Snoopy un “grosso bambino col nasone”, rendendosi  conto dopo che è un cane.

images (3)
Piperita Patty

Franklin
Il 31 Luglio 1968 compare il primo personaggio di colore dei Peanuts: Franklin. Charlie Brown conosce Franklin al mare e fanno insieme un castello di sabbia. Franklin racconta che suo padre è in Vietnam e Charlie Brown risponde che anche suo padre aveva fatto una guerra, ma non ricordava quale. Secondo alcuni, l’introduzione di un personaggio di colore era collegata al movimento contro il razzismo che Martin Luther King formava in quegli anni, ma Schulz rispose che il personaggio non aveva alcun riferimento politico.
Woodstock
La data di esordio di Woodstock è combattuta: alcuni sia il 4 Aprile 1967, il giorno della prima apparizione, altri il 22 Giugno 1970, giorno in cui ha finalmente un nome (che poi è quello di un concerto tenutosi nell’estate del 1969). Il piccolo uccellino giallo è amico fidato e spalla di Snoopy. È caratterizzato da uno strano modo di volare. Sa scrivere a macchina e stenografare e porterà nella striscia i suoi simili Conrad, Oliver, Bill, Harriett, Fred, Roy e Raymond.

download (1)
Woodstock

Marcie
Marcie (20 Luglio 1971) conosce Piperita Patty al campeggio perché è la sua capotenda. Da allora la chiamerà sempre “Capo”. L’amica, però, che è contro l’adulazione, non sopporta questo soprannome. È la prima della classe, ma è scarsissima negli sport, arrivando a confondere il baseball con il calcio. Le piace Charlie Brown, che però chiama Charles, essendo così insieme alla stessa Piperita Patty e Peggy Jean (una ragazza innamorata e corrisposta da Charlie Brown, che però, dirottata da quest’ultimo, lo chiama “Brownie Charles”) una dei personaggi che chiama Charlie Brown in un modo diverso.

download (3)
Marcie

Il Gatto dei vicini
alias Secondo Conflitto Mondiale
Il Gatto dei vicini è il terribile gatto dei vicini di casa Brown. Non viene mai disegnato, ma la sua presenza è resa dai segni che lascia sulla cuccia di Snoopy.
Replica
Terzo e ultimo nato in casa van Pelt, Replica (Rerun nell’originale) è il fratellino di Linus e Lucy. Molto somigliante al fratello, odia l’asilo tanto da voler restare sotto il letto per tutti gli anni di studio. Viene ritratto la maggior parte delle volte sul seggiolino posteriore della bici della madre. Desidera avere un cane, ma si diverte chiedendo “in prestito” Snoopy a Charlie Brown.
La famiglia di Snoopy
Quanti parenti ha Snoopy? Il primo a comparire, il 13 Agosto 1975, è Spike. Spike vive a Needles, nel deserto, è magrissimo e porta baffoni e cappello da cowboy. Dopo aver conosciuto Topolino, il personaggio di Walt Disney gli regalerà le scarpe. L’unica femmina, Belle, esordisce il 28 Giugno 1976 insieme a suo figlio. Entrambi vivono a Kansas City. Il 28 Settembre 1982 arriva Pallino: si distingue dagli altri per la presenza di macchie sul corpo e un paio di scarpe da gioco. Sette anni dopo, il 24 Gennaio 1989, fa il suo esordio Olaf. Olaf è grasso, triste e porta uno strano cappello. Insieme, lui e Andy gireranno l’America alla ricerca del deserto in cui vive Spike senza mai riuscirci. Una apparizione cadauno per la Mamma il Papà di Snoopy.


La Ragazzina dai Capelli Rossi
La Ragazzina dai Capelli Rossi è la ragazzina di cui Charlie Brown è segretamente innamorato. La sua unica apparizione è una silhouette, il 25 Maggio 1998.

Il 2 Ottobre 1950, quando uscì la prima striscia dei Peanuts, erano sette i quotidiani a pubblicarla. Il 13 Febbraio 2000, giorno dell’ultima pubblicazione, l’addio ai lettori di Schulz uscì su più di duemilaseicento giornali.

“La mia vita va troppo veloce… La mia unica speranza è che vada ai tempi supplementari”
Snoopy

Giacomo Sordi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...